RIDUZIONE DEL CONSUMO DI SUOLO. E’ possibile per una Cava?

DiStefano Pasinato

RIDUZIONE DEL CONSUMO DI SUOLO. E’ possibile per una Cava?

Per la EGAP SRL il Suolo rappresenta una componente dell'Ambiente di notevole importanza; contribuire alla riduzione del suo consumo rappresenta un obiettivo primario da inserire in ogni progetto.

Due esempi di ciò sono:

  • l'Impianto di Recupero di Rifiuti Inerti non Pericolosi;
  • l'Impianto Fotovoltaico per l'auto-produzione di energia elettrica da fonte solare.

In entrambi i casi, in fase di progettazione, sono state analizzate le tipologie di aree nelle quale effettuare gli Interventi. Se si fosse considerato esclusivamente il punto di vista economico, le aree più adatte sarebbero state quelle rappresentate dai terreni "vergini" circostanti con conseguente consumo di nuovo Suolo.

Un'analisi più approfondita e rispettosa dell'Ambiente, però, ha portato a considerare la possibilità di realizzare i due sopra citati progetti in alcune aree aziendali già degradate per la precedente presenza dell'attività di Cava e di Discarica per Rifiuti Inerti.

E così, per questi progetti,  la scelta finale è ricaduta proprio su queste aree degradate previa una loro sistemazione necessaria per renderle tecnicamente idonee ad ospitare la tecnologia necessaria.

Il risultato è stato un risparmiando di circa 21.700 metri quadrati di Nuovo Suolo.

Un’altra azione che la EGAP SRL sta portando avanti nell’ottica della riduzione del consumo di “Suolo” è quella della restituzione all’agricoltura “No Food” di porzioni pianeggianti completamente rinaturalizzate. Ad oggi, risultano circa 23.500 metri quadrati di terreno restituito a tali usi.

Info sull'autore

Stefano Pasinato administrator

Per pubblicare un commento, devi accedere